Luna Rossa

Pensavo ormai da tempo di scrivere questo post ed ora è arrivato il momento. Sono qui per parlarti di come sia possibile vivere più naturalmente e consapevolmente il tuo ciclo mestruale. Ne parlerò per esperienza personale, ma anche in maniera più tecnica perché tu possa capire come scegliere i modelli ed i materiali più adatti a te.

Il mio avvicinamento al mondo degli assorbenti lavabili è avvenuto in tre step. Il primo è stato sicuramente la lettura del libro “Luna Rossa” di Miranda Gray, testo indispensabile per qualsiasi donna. Ogni capitolo era una continua immersione dentro di me e dentro al mio rapporto con il ciclo mestruale, una scoperta del corpo ed una sensazione reale di vedere tutto con occhi nuovi. Credo che nessun libro mi abbia mai fatta riflettere così tanto ed acquisire una consapevolezza forte e completamente nuova. Il secondo è stato il desiderio di utilizzare i pannolini lavabili per i miei figli, cosa che ho fatto con grande soddisfazione e che ho cucito personalmente risparmiando un sacco di rifiuti al nostro pianeta. Hai mai letto quanti rifiuti accumuliamo ogni anno tra pannolini e assorbenti usa e getta? Più di 100.000 tonnellate. Davvero terribile. Il terzo step è stato il disagio fisico di utilizzare gli assorbenti usa e getta che sono composti sostanzialmente da plastica. Non è molto incoraggiante, vero? Spesso la pelle ne risente e credo tu sappia di cosa sto parlando. Ho provato anche la versione bio, misto cotone, ma rimane il problema dei rifiuti e in ogni caso ti assicuro che non è la stessa cosa.

Quando ho cominciato ad informarmi sui metodi alternativi sono approdata alla coppetta mestruale. Cosa ne penso? Credo che sia un prodotto valido ed efficace e la uso ormai da anni anch’io. Bisogna capire bene quale forma e quale misura sono adatte a noi, ma poi la strada è tutta in discesa. Tuttavia io non sono mai riuscita a farne un uso esclusivo perché in alcune situazioni preferivo ancora l’assorbente esterno e la maggior parte delle donne con cui ho avuto modo di parlare di questi temi predilige un uso misto e libero.

A quel punto ho deciso di cucirmeli da sola ed ho utilizzato gli stessi tessuti con cui avevo realizzato i pannolini lavabili dei miei figli. Il motivo è semplice, i tessuti assorbenti e impermeabili nascosti all’interno e lo strato a contatto con la pelle sono certificati GOTS, il più importante standard per la produzione sostenibile di indumenti e prodotti tessili realizzati con fibre naturali da agricoltura biologica. Insomma sono tessuti pensati e utilizzati molto spesso per i prodotti destinati ai neonati e sappiamo quanto possa essere delicata la loro pelle. Quale scelta migliore!

Vista l’esperienza positiva non soltanto mia, ma anche di amiche e familiari, iniziare a produrli per le altre donne è stata una naturale conseguenza. Ho deciso di realizzare tre modelli: plus, adatti ad un flusso forte o ad essere utilizzati la notte; regular, per un flusso normale; salvaslip, per gli ultimi giorni di ciclo o per le piccole perdite. Esternamente li ho voluti colorati e allegri perché ero stufa del tristume proposto dai supermercati, il ciclo mestruale non è mica una cosa terribile o un tabù impronunciabile! All’interno ho utilizzato un tessuto impermeabile ma traspirante per renderne più sicuro l’utilizzo ed uno strato di flanella di bambù per un perfetto assorbimento.

A contatto con la pelle invece ho preferito lasciare la scelta a te tra due tessuti diversi: velour di cotone o micropile. Come dicevo prima, entrambi sono biologici e certificati, quindi assolutamente sicuri sulla pelle. Il primo è un tessuto morbido e naturale realizzato completamente in cotone, il secondo invece è un tessuto misto che però ti permette di avere una sensazione di asciutto costante. Qui la scelta è completamente tua, ovviamente ti consiglio di provare entrambi i materiali per capire qual è perfetto per te. Per finire, l’assorbente viene agganciato allo slip tramite dei bottoni anallergici in plastica, regolabili in due misure, posizionati sulle ali.

Qui c’è tutto ciò che ti serve sapere sull’argomento, ma sono disponibile come sempre a rispondere ad ulteriori domande. Se vuoi prenotare subito i tuoi assorbenti puoi andare direttamente su onedroplab.bigcartel.com e scegliere modello e tessuto che preferisci. Ti saluto con una citazione del libro Luna Rossa, sperando di aver seminato in te la curiosità.

<<La società moderna considera l’esperienza del ciclo mestruale come un evento passivo, riconosciuto, ma spesso ignorato o nascosto. Alle donne viene detto che devono sopportare i disagi senza attirare l’attenzione perché questo fa parte dell’essere donna. Per questo motivo, le donne spesso nascondono le loro difficoltà per paura di essere considerate deboli o piagnucolose e questa mancanza di comunicazione e attenzione sociale relega il ciclo mestruale nell’ambito di un evento da nascondere e di cui vergognarsi.
Questo libro mostra come esso sia un evento dinamico che, se liberato da condizionamenti e restrizioni sociali, può influenzare attivamente la crescita fisica, emozionale, intellettuale e spirituale della donna ma anche della società e dell’ambiente in cui vive.
[…] Il libro tratta dell’intero ciclo, non solo del periodo delle mestruazioni, offre indicazioni e consigli pratici per interagire con le sue energie prendendo in esame i vari modi in cui le donne possono trasmettere questa consapevolezza alle proprie figlie e ad altre donne.>> Miranda Gray

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...